Dormire con i calzini fa bene o male? Cosa accade al nostro corpo se lo facciamo

Dormire con i calzini fa bene o fa male? Scopriamo cosa succede al nostro corpo quando lo facciamo. Cosa c’è da sapere su questa abitudine. 

C’è una domanda che in tanti si pongono e che riguarda una nostra abitudine che ci accompagna quando andiamo a letto: dormire con i calzini fa bene o male alla nostra salute? Sono tantissime le persone che soffrono in modo particolare le temperature rigide dell’inverno, soprattutto nei mesi particolarmente freddi, e che si aggrappano a qualsiasi strumento pur di ricevere calore a mani e piedi.

Quando la temperatura nella camera da letto è gelida e i piedi sembrano congelati in tanti indossano un paio di calzini per mantenersi al caldo, per quello che sembra essere il rimedio rapido contro il freddo. Tuttavia, c’è chi preferisce dormire senza, trovandoli fastidiosi anche con temperature vicine allo zero. Dove sta la risposta che in tanti aspettano? Proviamo a darla.

Partiamo col dire che indossare regolarmente i calzini potrebbe aiutarti a regolare la temperatura corporea, ad addormentarti più rapidamente e persino a migliorare la vita sessuale. Sembrano infatti tanti i benefici, non solo quelli legati al calore, che portano i calzini indossati anche a letto per andare a dormire.

Indossare i calzini fa bene: svelati i motivi

Si indossano i calzini quando si va a dormire?
Calzini di lana (Spraynews.it)

Una soluzione semplice per scaldare i piedi di notte è indossare i calzini prima di coricarsi. Altri metodi, come l’uso di una borsa dell’acqua calda o una coperta elettrica, potrebbero portare a surriscaldamento o ustioni. Oltre a mantenere il corpo caldo, dormire con i calzini ha anche altri vantaggi. In primo luogo, aiuta a prevenire le vampate di calore: alcune persone trovano che indossare i calzini aiuti a raffreddare la temperatura corporea interna.

Inoltre questa soluzione può contribuire a migliorare la condizione dei talloni screpolati: indossare calzini di cotone dopo l’idratazione può prevenire l’asciugatura e la screpolatura dei talloni. La ricerca ha scoperto che indossare calzini potrebbe aumentare del 30% la probabilità di raggiungere l’orgasmo.

Questa pratica può anche ridurre il rischio di malattia di Raynaud, una condizione in cui le dita dei piedi e delle mani perdono temporaneamente la circolazione sanguigna. Dormire con i calzini può aiutare a mantenere i piedi caldi e a migliorare la circolazione sanguigna, riducendo così il rischio di attacchi.

L’utilità dei calzini a letto

I calzini realizzati con fibre naturali come lana merino o cashmere sono i migliori per questa pratica. Anche se potrebbero essere più costosi dei calzini in cotone o fibre sintetiche, ne vale la pena. È importante assicurarsi che i calzini non siano troppo stretti, in modo da non limitare la circolazione sanguigna e garantire un corretto riscaldamento dei piedi.

L’unico svantaggio potrebbe essere il surriscaldamento: in tal caso, basta toglierli e lasciare i piedi fuori dalla coperta. Ma attenzione, perché gli esperti sconsigliano l’uso di calze compressive durante la notte, a meno che non siano state prescritte dal medico. Nonostante il loro effetto positivo sulla circolazione sanguigna, non sono ideali per il sonno poiché possono interferire con il flusso sanguigno quando si è sdraiati.

Impostazioni privacy