Ecco l’alimento di uso comune che potrebbe sparire a breve dagli scaffali dei supermercati: scorte ridottissime, già non si trova più

È allarme in Italia, presto un alimento potrebbe non trovarsi più sugli scaffali dei supermercati: vediamo qual è e cosa comporta ciò.

L’Italia, celebre per la sua cultura culinaria ricca e diversificata, si trova ora di fronte a una minaccia inaspettata e silenziosa. Questo problema emergente è una diretta conseguenza dei cambiamenti climatici che stanno scuotendo il nostro pianeta. Le cause dietro questa crisi sono molteplici e profonde. Il 2023 è già salito al secondo posto nella classifica degli anni più caldi dal 1800, secondo i dati dell’Isac Cnr.

Caldo anomalo ed eventi climatici estremi hanno devastato il territorio italiano. Grandinate, trombe d’aria, bombe d’acqua, ondate di calore e tempeste di vento hanno causato danni alle persone all’ambiente, e ad un altro settore. E se la situazione continua ad essere così grave, presto potremo non trovare più un particolare alimento all’interno dei supermercati. Di cosa stiamo parlando?

Allarme, un alimento a rischio

I cambiamenti climatici stanno portando ad una crisi nella produzione di miele. È infatti l’associazione agricola Coldiretti che ha recentemente denunciato una significativa riduzione nella produzione di miele in Italia rispetto all’anno precedente. Inoltre, i dati raccolti fino ad ora indicano che il 2023 potrebbe registrare uno dei raccolti più poveri degli ultimi dieci anni.

prodotto a rischio è il miele
Il miele rischia di scomparire (spraynews.it)

Le perdite di produzione di miele sono state distribuite in modo disomogeneo da Nord a Sud, coinvolgendo regioni chiave come il Veneto, la Puglia, la Lombardia, la Calabria, la Toscana e l’Abruzzo. Le raccolte di primavera, che costituiscono la parte più consistente del miele nazionale, sono state particolarmente colpite. La situazione si è aggravata nel Sud e nelle Isole a causa del caldo estremo di luglio, che ha causato la morte di intere colonie di api. La diminuzione della produzione di miele mette a rischio non solo la disponibilità sul mercato nazionale, ma anche le esportazioni in tutto il mondo. La Coldiretti suggerisce di evitare l’importazione di miele di bassa qualità verificando attentamente l’origine in etichetta o rivolgendosi direttamente ai produttori locali.

Insomma, la situazione sottolinea l’importanza di comprendere il valore delle api per l’ambiente e l’ecosistema. La maggior parte delle colture globali richiede l’impollinazione per la produzione alimentare, e le api svolgono un ruolo cruciale come impollinatori principali. Senza di loro, il nostro approvvigionamento alimentare è destinato a diminuire e diventare più costoso. La crisi attuale rappresenta una minaccia non solo per l’apicoltura, ma per l’intera catena alimentare e la biodiversità su cui tutti dipendiamo. 

In conclusione, la crisi del miele in Italia è un campanello d’allarme che richiede azioni concrete per mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici e proteggere un settore chiave per l’economia e la biodiversità del paese. La consapevolezza del consumatore e il sostegno alle pratiche agricole sostenibili diventano essenziali per preservare non solo il miele italiano, ma anche il nostro ambiente e il nostro futuro alimentare.

Impostazioni privacy