Giornata del capo, cos’è e come si celebra

Tutto sulla Giornata del Capo: le tradizioni, il significato e come festeggiarla nel modo giusto. Alcune idee per rendere omaggio ai propri datori di lavoro e spunti per costruire una relazione solida e duratura.

Talvolta non diamo abbastanza valore ai nostri superiori o non consideriamo le difficoltà che affrontano per farci proseguire nel nostro lavoro e per garantire che i nostri stipendi vengano regolarmente pagati. Spesso li vediamo come oppressori o nemici con attese irraggiungibili riguardo ciò che siamo in grado di fare in una giornata.

Ma ci soffermiamo mai a riflettere sull’impegno che mettono nel procurarsi nuovi clienti, nel trattenere i vecchi e nel fare in modo che tutto funzioni senza problematiche? Per la maggior parte no. La Giornata del Capo ci fa capire che non è tutto rose e fiori all’apice della catena gerarchica.

Cos’è la giornata del capo e quanto è nata

La Giornata del Capo è stata ideata da Patricia Bays Haroski nel 1958, allora segretaria presso la State Farm Insurance. Ha deciso di registrare l’evento presso la Camera di Commercio degli Stati Uniti, scegliendo come data quella del compleanno di suo padre, per il quale lavorava in quel periodo.

Haroski riteneva che l’impegno di suo padre nel lavoro non fosse adeguatamente apprezzato e che i lavoratori raramente dimostrassero gratitudine nei confronti di coloro che gestivano efficacemente i loro luoghi di lavoro. Nel 1979, il Boss’ Day era divenuto talmente popolare che la Hallmark Cards produsse una cartolina appositamente per l’occasione.

La celebrazione ha continuato a guadagnare in popolarità fino a tempi recenti, quando l’accentuata sensibilità sociale e di classe ha generato qualche controversia. Esiste un’ineguaglianza di potere tra dipendenti e datori di lavoro, i quali solitamente guadagnano di più e detengono maggior potere. Di conseguenza, si è ipotizzato che il Boss’ Day non dovesse essere celebrato e che eventuali doni sul posto di lavoro dovessero essere destinati ai dipendenti, non ai superiori.

Nonostante questo dibattito, riteniamo importante riconoscere che anche i dirigenti sono esseri umani che, pur avendo più potere, hanno anche più responsabilità; i loro sforzi assicurano la continuità del lavoro per i loro dipendenti.

Forse, sia i dipendenti che i dirigenti dovrebbero collaborare per creare un clima di squadra sul luogo di lavoro. In questo senso, la Giornata del Capo potrebbe rappresentare un valido passo avanti.

Un capo che parla
Foto | StockSnap @Canva – spraynews.it

Le qualità che dovrebbe avere un buon capo

Un leader di successo deve possedere otto qualità fondamentali:

  1. Visione e Passione: Deve avere una visione chiara e coinvolgente, ispirando il team a contribuire al raggiungimento di obiettivi ambiziosi.
  2. Esempio: Dando il buon esempio, guadagna credibilità e il rispetto del suo team.
  3. Integrità: Basa le sue decisioni sui valori, guadagnando lealtà e rispetto attraverso la sincerità e la coerenza.
  4. Comunicazione Efficace: La comunicazione chiara e motivante è essenziale per mantenere la squadra unita e motivata.
  5. Decisioni Difficili: Deve essere in grado di prendere decisioni rapide e difficili, assumendosi la responsabilità.
  6. Riconoscimento: Riconoscere il successo e gratificare il team costantemente è cruciale per mantenere alto il morale.
  7. Delega: Deve dare autonomia e potere al team, stimolandone la creatività e l’innovazione.
  8. Motivazione e Ispirazione: Deve motivare e ispirare il team, riconoscendo il valore di ciascun membro e sfidandoli con obiettivi significativi.

Queste qualità, quando combinate, creano un leader di successo che guida con passione, integrità e efficacia, ispirando il suo team verso il raggiungimento di obiettivi ambiziosi.

Come si festeggia la giornata del capo

Per onorare il giorno del capo, potresti pensare di donargli un’elegante cartolina o semplicemente prenderti un attimo per far conoscere a lui/lei il tuo apprezzamento per ciò che fa. Se ti accorgi di non avere una chiara idea di cosa implichi il suo lavoro o che tipo di compiti gli vengono assegnati, il giorno del capo potrebbe rappresentare un’ottima occasione per capire meglio come contribuisce quotidianamente al buon funzionamento del tuo posto di lavoro.

Non tutti sentono il desiderio di omaggiare il proprio superiore con presenti e, in molti casi, molto dipende dal tipo di rapporto instaurato – che a volte può essere teso e compromesso. Donare fiori, ad esempio, può sembrare un gesto fuori luogo, nonostante l’ulivo sia tradizionalmente simbolo di pace.

Nessuno, però, desidera apparire come il “prediletto” del capo.

Il giorno dedicato alla figura del capo è una giornata complessa per i dipendenti, ma non deve necessariamente essere cosi e quindi ecco alcuni consigli:

Semplifica: pensare a un dono non deve diventare un’ossessione. Un biglietto è un gesto sincero e può esprimere tutto ciò che si desidera dire senza eccessi. I fiori, al contrario, possono risultare eccessivi e creare imbarazzo per il capo.

Ricorri all’umorismo: un regalo scherzoso può costituire un’ottima difesa. Concluderai la giornata con una risata senza essere considerato il prediletto del capo per le ragioni sbagliate.

Sii aperto: non vuoi fare un regalo, neppure se fosse uno scherzo? È comprensibile, ma ricorda che le tue azioni contano molto di più delle tue parole. Le ricerche dimostrano che le persone di successo hanno chiaramente compreso il proprio ruolo nel mantenimento dei rapporti interpersonali. Dimostrare il proprio impegno può essere molto più semplice che dire: “Buon Giorno del Capo, capo”.

Rivolgi le tue preoccupazioni alle risorse umane: i regali per il Giorno del Capo possono mettere in imbarazzo. Includendo le risorse umane nel processo, riuscirai a mantenere il capo soddisfatto senza metterti in una situazione imbarazzante.

Perché dovremmo celebrare la Giornata del Capo?

È comprensibile che ci possano essere parecchi che ritengano questa celebrazione superflua e che vorrebbero eliminarla. Anche se può sembrare un gesto sproporzionato, in realtà è fondamentale per i collaboratori. Ricordiamo che curare i rapporti con chi ha il potere decisionale può fare la differenza per la propria carriera.

La Giornata del Capo è un’occasione per esprimere gratitudine e preservare l’atmosfera positiva in un ambiente lavorativo. Troppo spesso, si dimentica che i leader aziendali sono esseri umani e non macchine prive di emozioni. A loro piacerebbe sentirsi parte del team, ma non sempre è possibile. La Giornata del Capo è il momento perfetto per mostrare loro il tuo riconoscimento per le sfide che affrontano nel loro lavoro.

Impostazioni privacy