La truffa delle banconote false: i casi in aumento, bisogna fermarli

Crescono le truffe legate allo smercio di banconote false, vediamo come fare per riconoscerle e come evitare di essere truffati.

I casi di smercio di banconote false sono in aumento. Grazie alle tecniche moderne, le banconote finte sono sempre più dettagliate, quasi del tutto simili a quelle vere. Un occhio inesperto può cadere facilmente nel tranello ed essere truffato. Tuttavia, di pari passo con la maggiore cura nella replica delle bancone, aumentano le misure di sicurezza per identificare il denaro e scoprire eventuali falsificazioni.

Quando si effettuano pagamenti in contanti, bisogna sempre fare attenzione, non solo per quanto riguarda le banconote, ma anche per le monete, facilmente replicabili. Come confermano le Forze dell’Ordine, le banconote finte che circolano maggiormente sono quelle di piccola taglia, poiché sono le più diffuse, in particolare quelle da 10, quelle da 20 e da 50 euro.

Come difendersi dalle truffe legate alle banconote false e come riconoscerle

Ritiro di banconote in banca
Ritiro di banconote in banca (Spraynews.it)

Il fenomeno della falsificazione è in crescita in Italia, ma fortunatamente sono efficienti i metodi di sicurezza adottati dalle Autorità. Il Dipartimento del Tesoro sfrutta il sistema applicativo Simec Area Euro, monitorando le segnalazioni di illeciti grazie all’aiuto dei soggetti gestori del contante, come ad esempio le banche o le Poste.

Ogni anno, il Dipartimento del Tesoro pubblica un rapporto statistico riguardante le falsificazioni dell’euro, con dati e diffusione su tutto il territorio nazionale. Ovviamente, per non incappare in falsificazioni, le banconote moderne sono dotate di tecniche innovative che le rendono uniche e impossibili da replicare alla perfezione. Di conseguenza, sono facili da identificare.

Esistono due serie di banconote in Europa: la prima serie e la seconda serie, quest’ultima è definita “serie Europa”. Su entrambe le serie compaiono i simboli delle città e delle culture europee. Tuttavia, la seconda serie, che è la più recente, presenta tecniche di sicurezza molto avanzate che ne indicano l’autenticità. Ma un cittadino inesperto, come può difendersi dalla truffa?

Come riconoscere una banconota vera, i dettagli da osservare

In realtà, grazie ai nuovi materiali impiegati, non è difficile, basta il tatto. Una banconota autentica presenta una carta particolare, che ha una consistenza diversa dalla carta comune. Inoltre, quando la si strofina, emette un fruscio originale, unico. Tra l’altro, alcuni particolari della banconota sono stampati in rilievo.

E ancora, mettendo la banconota in controluce, si può osservare il filtro interno e la filigrana. Nelle banconote della serie Europa, sopra la striscia argentata si può osservare la finestra con il ritratto della dea Europa, la cui parte è trasparente ed è possibile guardarci attraverso.

Insomma, sono tutti piccoli particolari non replicabili, che attestano l’autenticità del denaro. Quando si maneggia il soldo contate, occorre sempre fare attenzione a queste sottilissime caratteristiche, e in questo modo si può stare sicuri. A tal proposito, bisogna stare molto attenti anche alle truffe legate alle carte di credito e bancomat, il cosiddetto fenomeno dello skimming.

Impostazioni privacy