Massimo Bochicchio: il giallo del broker morto, i vip truffati e la moglie Arianna Iacomelli

Nella puntata del 12 febbraio 2024 di Farwest, l’approfondimento di Raitre condotto da Salvo Sottile, si tornerà sui tanti punti oscuri dietro la morte di Massimo Bochicchio.

Al momento della sua morte, Massimo Bochicchio, noto come il “broker dei vip”, era accusato di truffa nei confronti di personaggi famosi nel mondo dello sport e della cultura: in tutto sarebbe riuscito a estorcere qualcosa come 600 milioni di euro.

Il condizionale è d’obbligo, visto che l’inchiesta è stata archiviata e i vip truffati non vedranno così un solo centesimo. Il caso torna in tv e se ne occupa la trasmissione Far West, in onda su Raitre. L’incidente stradale in cui è morto è avvenuto il 19 giugno 2022, mentre Bochicchio era in libertà vigilata con il braccialetto elettronico.

Infatti, era finito in manette nel novembre 2021 e messo ai domiciliari. L’indagine ha escluso un incendio doloso come causa della sua morte, ma i punti oscuri rispetto a questa vicenda restano davvero diversi. Sempre dalle indagini è stata estromessa la possibilità dell’istigazione al suicidio.

Quali sono i punti oscuri della vicenda della morte di Massimo Bochicchio

Massimo Bochicchio e la moglie Arianna
Massimo Bochicchio e la moglie (Spraynews.it)

Quello che non torna, soprattutto tra chi sta cercando di capire di più in maniera indipendente e a prescindere dalle indagini ufficiali, sulla morte del broker dei vip è un dettaglio che non andrebbe sottovalutato, ovvero quello che l’uomo ha fatto poco prima di morire. Difatti, Massimo Bochicchio aveva stipulato due polizze assicurative che coprivano il rischio di morte, intestandole alla moglie Arianna Iacomelli.

Lei è una ex miss italiana, che aveva partecipato a Miss Italia nel 1990 ed era arrivata seconda dietro a Rosangela Bessi: in un video d’epoca, si può vedere l’incoronazione della più bella d’Italia, sotto gli occhi di un giovane Fabrizio Frizzi. Dopo la morte del marito, in un’intervista aveva reclamato la necessità che venissero sbloccati i suoi conti, perché a causa di quanto stava accadendo non sapeva di che vivere.

La donna, dunque, si ritrova non solo vedova, ma anche a dover fare i conti con i fondi bloccati che le indagini le impongono. Ma perché il marito sceglie di intestarle le polizze sulla morte? Aveva paura di qualcuno, si domanda chi indaga? Inoltre, alcuni testimoni sostengono che l’auto ha sbandato improvvisamente: forse Bochicchio ha avuto un malore, c’è però chi crede alla tesi che possa essersi ucciso.

Impostazioni privacy