Muffa nella lavatrice, si annida in questi posti nascosti: come salvare la biancheria

Muffa nella lavatrice, si annida in questi posti nascosti: come salvare la biancheria ed igienizzare tutti i capi al meglio evitando anche rischi per la nostra salute. 

La lavatrice è uno degli elettrodomestici più utilizzati in assoluto e che risulta di grande aiuto nelle faccende domestiche quotidiane che prevedono il lavaggio degli indumenti. Spesso ci siamo occupati dei consumi energetici che possono derivare da un utilizzo della lavatrice corretto e degli impatti che si hanno in bolletta invece andando ad utilizzare quest’elettrodomestico nel modo sbagliato.

Ma quando dobbiamo lavare i nostri capi dobbiamo tenere in considerazione anche un altro aspetto altrettanto importante, quello della manutenzione della nostra lavatrice, che come tutti gli altri elettrodomestici della casa richiede massima attenzione in primo luogo per la presenza del calcare che può mettere a repentaglio la sua vita. Ma non bisogna dimenticare anche un’altra minaccia che può incidere sul corretto funzionamento della nostra lavatrice (ne abbiamo parlato qui in modo approfondito).

Parliamo della muffa che rappresenta una grave problema anche perché non sempre riusciamo ad accorgerci in tempo della sua presenza. Che nella maggior parte dei casi è dovuta all’umidità ed al ristagno dell’acqua, anche calcarea, che non puliamo bene ad ogni lavaggio. Il risultato potrebbe essere devastante per il nostro bucato, sia in termini di igiene che di odori sgradevoli.

Insomma, un vero dramma quando ci accorgiamo di avere questo problema, che come detto deve poi essere risolto in breve tempo se non vogliamo mettere a repentaglio anche la nostra salute, perché sappiamo bene che la muffa presente per esempio nella biancheria intima potrebbe rilasciare germi e batteri oltre che funghi pericolosi anche sul nostro corpo e su quello dei nostri familiari (qui abbiamo analizzato a fondo il problema della muffa anche nelle nostre case).

Come eliminare la muffa dalla nostra lavatrice

Muffa nella lavatrice, si annida in questi posti nascosti: come salvare la biancheria
Bicarbonato di sodio (Spraynews.it)

Per avere un bucato perfetto ed eliminare qualsiasi traccia di cattivi odori dai capi che abbiamo lavato in lavatrice dobbiamo restare attenti ed usare alcuni accorgimenti che ci permettono di evitare che si formi muffa nella nostra lavatrice. Il problema è che spesso non ci rendiamo conto della sua presenza se non quando è troppo tardi. Un avvertimento potrebbe arrivare dalla presenza di puzza sui nostri abiti dopo il lavaggio.

Occorre verificare dove si è formata la muffa, che di solito predilige anche i posti più nascosti come quelli all’interno delle guarnizioni dove può accumularsi con grande facilità dell’acqua. Se ci accorgiamo della presenza della muffa dobbiamo trovare delle soluzioni rapide che ci consentano di eliminarla anche in modo efficace. Una di queste consiste nel trovare una miscela potente che la rimuove.

E che può essere a base di candeggina aceto acqua e bicarbonato, con l’aggiunta di olio essenziale. Una volta pronta si deve provvedere ad andare ad inserirla nelle parti dove la muffa è presente per poi sanificare il resto del cestello della lavatrice per evitare che possano rimanere delle tracce anche al suo interno. Fare un lavaggio finale, inserendo questo composto al posto del detersivo potrebbe essere una delle azioni consigliate per rimuovere a fondo tutte le tracce residue.

Se siamo fortunati, e non ci sono al momento delle tracce di muffa nella nostra lavatrice dobbiamo fare in modo che non si presenti: per fare questo bisogna ridurre al massimo la presenza di umidità nella lavatrice anche tenendo lo sportello aperto a fine lavaggio con il ricambio d’aria necessario per questo scopo. Pulire il cestello con maggiore frequenza pure è operazione essenziale per ridurre al massimo la possibile formazione di muffa, asciugando sempre i residui d’acqua.

Impostazioni privacy