Stipendi supplenti, monta la protesta per i ritardi. Il Ministero è chiaro: “Ecco quando pagheremo”

Il tema degli stipendi dei supplenti non è solo una questione di cifre, ma di rispetto per coloro che lavorano duramente pur essendo precari.

Un nuovo anno è iniziato, ma in alcuni settori lavorativi i problemi rimangono gli stessi. Anzi, in alcuni casi riescono persino a peggiorare. In questi giorni c’è grande polemica nel mondo della scuola, dove migliaia di insegnanti precari stanno facendo sentire la loro voce dopo essere stati vittime di una situazione che è al limite dell’assurdo. Pur avendo lavorato ininterrottamente durante i primi quattro mesi di scuola, quasi nessuno di loro ha percepito un euro di stipendio.

Dopo le pesanti critiche dei lavoratori e delle associazioni di categoria, il Ministero dell’Istruzione ha finalmente affrontato la situazione e ha promesso che pagherà gli stipendi molto presto. Le sue parole non basteranno sicuramente a calmare gli animi, però, visto che questa sconcertante situazione non è neanche una novità: è dal 2013 che ogni anno gli stipendi dei supplenti vengono pagati con mesi e mesi di ritardo.

Una situazione non più tollerabile affligge i supplenti di tutta Italia

La parte più assurda di tutta questa storia è che da anni il sistema scolastico italiano si affida in larga misura al lavoro degli insegnanti supplenti, figure professionali che garantiscono continuità didattica nei molti casi in cui le scuole non riescono a coprire tutte le cattedre. Tuttavia, nella maggior parte dei casi questi insegnanti hanno dovuto affrontare ritardi significativi nei pagamenti dei loro stipendi. I ritardi, che spesso si estendono da gennaio a marzo per il lavoro svolto da settembre a dicembre, sono causati da intoppi burocratici che coinvolgono diversi ministeri e istituzioni.

quando ricevono lo stipendio i supplenti
É finalmente stata annunciata la data di pagamento degli stipendi dei supplenti – spraynews.it

Jacopo Greco, capo dipartimento per le risorse umane, finanziarie e strumentali del ministero dell’Istruzione, ha recentemente annunciato che una soluzione arriverà a breve termine. Secondo Greco, un’assegnazione straordinaria è prevista per l’11 gennaio e in quei giorni potrebbe arrivare anche una proposta definitiva per risolvere il problema. Questa dichiarazione segue le polemiche sorte a dicembre, quando il ministero aveva assicurato che tutti gli arretrati sarebbero stati pagati entro la fine del mese.

Nonostante le assicurazioni, molti docenti supplenti non hanno ancora ricevuto alcun pagamento. Migliaia di onesti lavoratori hanno quindi dovuto affrontare difficoltà come l’impossibilità di affrontare spese quotidiane e si sono dovuti sottomettere all’umiliazione di dover chiedere prestiti ai propri cari per sopravvivere.

Le organizzazioni sindacali stanno ovviamente prendendo posizione in difesa dei diritti dei supplenti. Giuseppe d’Aprile, segretario nazionale della UIL Scuola, e Ivana Barbacci della CISL Scuola, hanno entrambi criticato la gestione della situazione, sottolineando la necessità di una soluzione rapida e definitiva. Marcello Pacifico di Anief ha addirittura minacciato azioni legali se i pagamenti non verranno effettuati entro l’11 gennaio, tra cui la possibilità di richiedere anche il pagamento degli interessi maturati sui ritardi.

Impostazioni privacy