Termosifoni, risparmiare è possibile ma solo con l’acqua a queste temperature

I costi dei riscaldamenti alle stelle richiedono strategie mirate per utilizzare in modo intelligente i termosifoni senza spendere un capitale.

Gli aumenti degli ultimi anni, le modifiche strutturali alle bollette, le accise sempre più gravose e le necessità crescenti di gas per poter riscaldare casa non fanno ben sperare per quanto concerne i costi generali.

Tuttavia, adoperando semplici trucchi e accorgimenti, è possibile risparmiare moltissimo, avendo sempre la casa calda e soprattutto senza mettere sotto sforzo il termosifone o la caldaia, per rispondere alle esigenze di tipo domestico.

Termosifoni: il trucco per riscaldare casa e risparmiare

In tantissime case c’è un netto spreco quando si parla di termosifoni, riscaldamento e costi. Tuttavia tantissime persone non lo sanno e quindi continuano a utilizzare in modo non corretto questi strumenti. Un problema rilevante ma al tempo stesso molto semplice da gestire riguarda l’acqua. La sua regolazione va fatta in modo accurato e ogni anno bisogna settare nuovamente il parametro. Il problema principale infatti è che questa sia troppo forte, più del necessario. È l’errore più comune che viene riscontrato dai tecnici e che può costare caro, non solo economicamente ma in termini di danni. Gli impianti vengono spesso settati a temperature molto elevate, questo sicuramente permette di riscaldare casa rapidamente perché arriva un getto di acqua bollente nelle tubature ma c’è un risvolto della medaglia.

trucchi termosifoni risparmiare
Cosa fare con i termosifoni se si ha intenzione di risparmiare (spraynews.it)

L’impostazione che si va a regolare per la caldaia non riguarda solo i termosifoni ma l’acqua calda in generale. Quello che però facciamo durante l’uso quotidiano pone costantemente sotto sforzo il sistema. Questo perché avere la caldaia a 60 gradi è, di fatto, inutile. Nessuno utilizza questa temperatura per lavarsi o per igienizzare le stoviglie, quindi si tende sempre ad abbassare il getto. Lo facciamo, senza rendercene conto, praticamente ogni volta che regoliamo l’acqua. Quando però la caldaia si trova a produrre acqua così bollente che poi non viene finalizzata, non ha senso. Infatti ci si trova con un sistema che corre veloce e non ha modo di essere realmente impiegato. Quella miscela continua che si va a fare di fatto mette sotto sforzo il sistema centrale e le tubature e quindi genera a lungo termine danni all’impianto.

Per una caldaia tradizionale quindi non ha senso impostare l’acqua a 60 gradi perché non si andrà mai ad utilizzare quella temperatura. I termosifoni si possono riscaldare bene anche se questa è più bassa, magari impiegano pochi minuti in più ma questo consente di preservarne la durata e il funzionamento. Meglio ancora settare un sistema con impostazione automatica, solitamente i modelli a condensazione lo fanno e sono molto utili. Per chi invece ha un impianto di riscaldamento a pavimento, meglio tenersi sui 25 gradi perché temperature elevate rischiano di far saltare tutto il sistema.

Impostazioni privacy