Caselle di Gioia Sannitica, uccide il fratello di 24 anni e ferisce l’altro: fermato 19enne

Un 19enne è stato fermato dai carabinieri con l’accusa di aver ucciso a coltellate il fratello di 24 anni e di aver ferito l’altro di 21: la tragedia a Caselle di Gioia Sannitica (Caserta).

Ha accoltellato i due fratelli di 24 e 21 anni: il primo è deceduto, mentre l’altro è rimasto ferito gravemente al volto. Questo quanto avrebbe messo in atto un ragazzo di 19 anni nel pomeriggio di ieri a Caselle di Gioia Sannitica, in provincia di Caserta.

Dopo il delitto, avvenuto nella casa dove vivevano i tre fratelli, il 19enne si sarebbe dato alla fuga per poi essere rintracciato e fermato dai carabinieri. A lanciare l’allarme, nonostante le gravi ferite, sarebbe stato il fratello di 21 anni. Sul posto sono intervenuti i soccorsi che non hanno potuto far nulla per il fratello più grande, trovato senza vita, mentre il 21enne è stato portato in ospedale, dove ora si trova ricoverato. In corso le indagini dei carabinieri che stanno cercando di ricostruire la tragedia.

Caselle di Gioia Sannitica, uccide a coltellate il fratello di 24 anni e ferisce l’altro di 21: fermato 19enne

Carabinieri
Carabinieri (Spraynews.it)

Orrore nel pomeriggio di ieri, mercoledì 14 febbraio, in una masseria di Caselle, frazione del comune di Gioia Sannitica, in provincia di Caserta, dove due fratelli di 24 e 21 anni sono stati accoltellati. Il più grande è morto, mentre l’altro è rimasto gravemente ferito.

Non è ancora chiara la dinamica dei fatti, ma secondo le prime ricostruzioni, come riferiscono alcune fonti locali e la redazione de Il Mattino, il 24enne avrebbe discusso con il fratello minore, di 19 anni che, al culmine della lite lo avrebbe colpito con un coltello uccidendolo. A quel punto, sarebbe rientrato in casa l’altro fratello che sarebbe stato a sua volta accoltellato al volto. Nonostante le ferite, il 21enne sarebbe riuscito a chiamare i soccorsi.

Sul posto sono, dunque, intervenuti gli operatori sanitari del 118 e le pattuglie dei carabinieri. I soccorritori hanno provato a rianimare il fratello maggiore, ma non è stato possibile far altro che appurarne il decesso. L’altro giovane è stato, invece, soccorso e trasportato d’urgenza in ospedale a Piedimonte Matese. Qui, i medici, considerate le gravi condizioni del paziente, hanno disposto il trasferimento presso il Cardarelli di Napoli, dove ora si trova ricoverato.

Indagini in corso

I militari dell’Arma si sono messi subito sulle tracce del 19enne, ritenuto responsabile del delitto e che, nel frattempo, aveva fatto perdere le proprie tracce. Poco dopo, il ragazzo è stato individuato e fermato. Ora, gli investigatori stanno cercando di risalire alla dinamica esatta dei fatti e capire quali ragioni avrebbero scatenato la lite tra i fratelli.

Al momento del drammatico episodio non erano presenti in casa i genitori: la madre era a lavoro in un ristorante della zona, mentre il papà, sempre per motivi di lavoro, si trovava in Svizzera.

Impostazioni privacy