Christian Bale compie 50 anni: le trasformazioni fisiche più assurde

Oggi il camaleonte più mimetico di Hollywood spende 50 candeline, e per ognuna di esse si è trasformato in personaggi in modo incredibilmente verosimile e vario

Christian Bale è un maestro delle trasformazioni: è ingrassato, dimagrito, ha messo su muscoli, si è rasato la testa e ha persino fatto esercizi speciali per “ispessire il collo” al fine di soddisfare fisicamente le esigenze dei suoi ruoli cinematografici: niente tute grasse o mezze misure per questo ragazzo.

Tuttavia, Bale ha recentemente rivelato che quei giorni potrebbero presto essere alle spalle. “Sono diventato un po’ più noioso ora, perché sono più vecchio e sento che se continuo a fare quello che ho fatto in passato, morirò. Quindi, preferirei non morire”, ha dichiarato Bale a E! News.

Intanto, oggi compie 50 anni, e solo lui sa come ha saputo interpretare le emozioni e le fattezze umane più disparate.

“Il più creativo di Hollywood”

“The Most Creative People in Entertainment“. Entertainment Weekly gli ha dato questo titolo. L’attore più creativo, nel senso di trasformista di Hollywood. Accadde dopo l’uscita di American Psycho, il film che doveva fare Leonardo DiCaprio se non si fosse “spaventato”: il ruolo è quello del serial killer Patrick Bateman, protagonista del best seller di Bret Easton Ellis. Tra massacri veri e sognati, Bale diventa una star. Di lui, il critico Roger Ebert scrive: «È eroico per come permette al personaggio di saltare allegramente nel disprezzo. Ha trasformato un romanzo sanguinario in un film riguardante la vanità dell’uomo».

In onore dei suoi 50 anni, ma soprattutto di tutte le trasformazioni protagoniste in questi anni, ripercorriamo le più sbalorditive e ricordiamo il suo talento camaleontico.

American Psycho

Bale era già piuttosto magro, ma in American Psycho del 2000 ha intrapreso quella che ha definito una delle diete più restrittive della sua carriera per interpretare Patrick Bateman. Ha raccontato a Train Mag che “non c’erano pasti a tradimento. Si trattava solo di proteine magre. Niente zuccheri, grassi buoni e pochi carboidrati“.

Bale ha anche dichiarato al The Guardian che la sua dieta ossessiva e la sua decisione di farsi incidere i denti erano dovute al fatto che voleva rimanere fedele al personaggio. “Con Patrick Bateman, la sua fisicità è molto più importante che con la maggior parte dei personaggi. Si occupa totalmente di cose superficiali ed è incredibilmente narcisista“, ha spiegato Bale.

Il macchinista

Per interpretare l’emaciato insonne Trevor Reznik nel film The Machinist del 2004, Bale ha perso circa 60 chili in soli quattro mesi, portando il suo peso totale a 120 chili all’inizio delle riprese. Bale avrebbe seguito una dieta a base di “acqua, una mela e una tazza di caffè al giorno” per perdere peso.

I produttori del film avrebbero anche detto che Bale voleva perdere ancora più peso: l’attore voleva scendere a 100 chili, ma non glielo hanno permesso per motivi di salute.

The Machinist
The Machinist | @ESCDistribution – Spraynews.it

Batman Begins

La prima volta di Bale nel ruolo di Batman risale al 2005. Mentre la maggior parte degli attori mette su un po’ di peso e muscoli per interpretare un supereroe, Bale aveva l’ulteriore pressione di dover uscire subito dopo la sua massiccia perdita di peso per The Machinist, e aveva solo cinque mesi prima dell’inizio delle riprese.

È ingrassato mangiando pizza e gelato. “Ho esagerato perché mi piaceva ingozzarmi. Ignoravo i consigli che mi dicevano di andarci piano perché il mio stomaco si era ridotto e che avrei dovuto limitarmi alle zuppe… Mi sono buttato sulla pizza e sul gelato e ho mangiato cinque pasti in una volta“, ha spiegato all’Huffington Post. Si è anche allenato in palestra e ha sollevato pesi per diventare il Bruce Wayne che tutti conosciamo e amiamo.

Il cavaliere oscuro

Bale ha ripreso il suo ruolo del Crociato Mascherato nel 2008 e, sebbene abbia raccontato a Collider che ci sono state un paio di nuove mosse per le quali si è dovuto allenare, si è trattato anche di un ritorno a ciò che aveva già imparato.

Il mio obiettivo è avere velocità, forza, resistenza e agilità – essere così magro sarebbe controproducente per alcune di queste cose – voglio un po’ di peso in più. Batman si basa sulla velocità e sulla strategia. Per quanto riguarda la dieta, mangerei pasti più piccoli ogni due o tre ore. A ogni pasto punterei a un equilibrio di proteine magre, carboidrati e grassi buoni e sani“, ha dichiarato a Train Mag.

The Fighter

Nel 2010 Bale è dimagrito ancora una volta per un ruolo. L’attore ha perso 10 chili per interpretare Dicky Eklund, un pugile realmente esistito che ha lottato contro la tossicodipendenza.

Bale ha spiegato che la sua perdita di peso per questo ruolo era dovuta principalmente all’esercizio fisico e non alla dieta: “Correvo come un matto. Potevo correre per ore e ore e mi sentivo davvero in forma“.

Il ruolo di Bale in The Fighter gli è valso premi come l’Oscar come miglior attore non protagonista, il Golden Globe come miglior attore non protagonista e il SAG per l’eccezionale performance di un attore maschile in un ruolo non protagonista.

American Hustle

Bale è ingrassato di oltre 40 chili per interpretare l’artista della truffa Irving Rosenfeld. Come ha raccontato a People, “ha mangiato un sacco di ciambelle, un sacco di cheeseburger e qualsiasi cosa su cui potessi mettere le mani. Mangiavo letteralmente tutto quello che mi capitava a tiro. Ero circa 185 e sono arrivato a 228“. Bale si è anche rasato la testa per il ruolo.

Il film del 2013 è stato candidato a 10 premi Oscar, compreso un riconoscimento a Bale come miglior attore.

Vice

Un altro anno, un altro ruolo per il quale il nostro caro signor Bale è dovuto ingrassare. Per interpretare l’ex vicepresidente Dick Cheney nel 2018, Bale ha preso 40 chili, ha “mangiato un sacco di torte“, si è rasato la testa e ha sbiancato le sopracciglia. Secondo quanto riferito, ha anche fatto alcuni “esercizi specifici” per ispessire il collo, il che è allo stesso tempo stimolante e terrificante.

Infine, ecco perché l’attore è stato nominato “The Most Creative People in Entertainment“ da Entertainment Weekly gli ha dato questo titolo: l’attore più creativo, nel senso di trasformista di Hollywood.

Impostazioni privacy