Come conservare l’aglio per non farlo germogliare: il trucco innovativo

Come conservare l’aglio per non farlo germogliare: con questo trucco super innovativo non sbaglierai più nulla a casa tua!

L’aglio è uno dei prodotti più consumati al mondo: in Italia, questo favoloso ortaggio viene utilizzato come condimento. Tantissime ricette cominciano proprio con la preparazione del bulbo in questione: friggendolo nell’olio, si diffonde in casa un odore alquanto particolare. Al giorno d’oggi, fare la spesa è diventato un’impresa: molte famiglie preferiscono farla una volta a settimana per comodità. Al supermercato o nei negozi di fiducia il rischio di esagerare è dietro l’angolo: spesso e volentieri, vengono acquistate quantità maggiori per paura di terminare le scorte nel corso della settimana.

Chi deve acquistare l’aglio, ad esempio, mette nel carrello diversi pezzi per portarlo poi nella propria dispensa. Tale ortaggio appartiene alla stessa famiglia delle cipolle (conosci il trucco degli agricoltori per conservarlo?) e presenta il medesimo problema: giorno dopo giorno, tende a fiorire e a formare germogli. Per evitare questo problema devi assolutamente imparare questo trucchetto innovativo.

Come conservare l’aglio per non farlo germogliare: trucchetto innovativo

Come conservare l'aglio per non farlo germogliare - Spraynews.it
Spicchi di aglio – Spraynews.it

Per conservare l’aglio non servono procedimenti difficili: il bulbo va messo in un luogo fresco, asciutto e areato. Evitate di metterlo però nel frigorifero: l’umidità favorisce l’insorgere di muffe. Scegliere quindi un posto fresco dove non arrivino i raggi solari: conservando perfettamente il cibo, è possibile non fare sprechi. Adesso vi sveliamo anche un trucchetto innovativo. Se non avete molto spazio, separate gli spicchi e riponeteli in sacchetti destinati al freezer. Per comodità, potete addirittura tagliare o tritare gli spicchi in questione.

Per avere un condimento ancora più buono potete frullare gli spicchi d’aglio con l’olio extravergine d’oliva e conservare in contenitori ermetici il prodotto ottenuto. Per circa 6-7 mesi, avrete a disposizione l’aglio in condizioni perfette. Un bulbo intero, senza alcuna tecnica di conservazione, può durare circa due mesi. Una volta aperto, tuttavia, dovrete consumare gli spicchi entro quindici giorni. Con piccoli accorgimenti, direte addio ad inutili sprechi di soldi e riuscirete a consumare ogni singolo centimetro dell’aglio acquistato. Nel 2023, con l’inflazione alle stelle, anche i prezzi dell’aglio sono pericolosamente saliti: l’Argentina, ad esempio, ha previsto un aumento del 50%. Il prezzo dell’aglio cinese, invece, è aumentato del 55%. Ancora una volta, in un clima simile, è bene ribadire l’importanza di non sprecare gli alimenti.

Impostazioni privacy