Compri questo pesto al supermercato? Meglio che eviti: è pieno di pesticidi

Se compri questo pesto al supermercato devi fare assolutamente attenzione, sono stati rilevati dei pesticidi, ecco i marchi coinvolti.

Oltre al classico pesto preparato con basilico, olio, parmigiano e altri ingredienti, esiste anche una versione rossa di questo condimento, e viene chiamato pesto rosso. Il pesto rosso è una salsa a base di pomodori secchi e mandorle con cui si può condire la pasta o le bruschette. Solitamente al pesto viene aggiunto anche il parmigiano grattugiato, il basilico, l’aglio, l’olio, il sale e il pepe. Oggi come oggi purtroppo, vengono utilizzati molti pesticidi, nonostante ci siano regole ferree da questo punto di vista, ed una maggiore consapevolezza riguardo la qualità degli alimenti biologici, molti marchi continuano a scegliere prodotti nocivi.

Se compri questi pesti fai assolutamente attenzione

Pesto rosso, attenzione
Pesto rosso al supermercato- (Spraynews.it)

È stato condotto un test che ha preso in totale 27 pesti etichettati come pesto rosso inclusi anche alcuni prodotti biologici. Questi prodotti sono stati acquistati in diversi punti vendita e durante il processo di valutazione è stata eseguita una procedura rigorosa per esaminare attentamente la qualità e la sicurezza degli ingredienti all’interno dei vari pesti. Per effettuare il controllo gli esperti hanno eseguito un’analisi chimica su tutti i prodotti.

Hanno verificato il contenuto di sale e di grassi, è stata effettuata un’analisi dell’imballaggio ed una valutazione sensoriale. Solamente 3 dei prodotti sottoposti al test hanno ottenuto una valutazione molto positiva, mentre altri 10 sono stati giudicati insufficienti a causa della presenza di sostanze indesiderate. Uno dei problemi principali che è emerso dall’analisi è la rilevanza presenza di tossine fungine. Questi parassiti sono estremamente rischiosi per la salute umana e a lungo andare potrebbero favorire anche lo sviluppo di cancro.

Pesticidi nel pesto rosso, i rischi

Alcuni prodotti hanno di gran lunga superato i limiti raccomandati per determinate tossine, in altri prodotti sono stati rilevate tracce di pesticidi, tra i marchi coinvolti ci sarebbero nomi importanti come il pesto rosso De Cecco, il pesto rosso Italiano di Lidl prodotto da polli, ma anche il pesto rosso Bertolli.

Un altro prodotto abbastanza preoccupante in cui sono emerse componenti derivanti da oli minerali, sono quelli della Mutti, in questo caso ci sarebbero dei componenti noti come analoghi del MOSH/MOSH che potrebbero contaminare gli alimenti durante il processo di produzione. Quando si compra un prodotto industriale è sempre bene leggere le etichette e informarsi sulla qualità degli ingredienti. Il consiglio degli esperti è quello di preparare il proprio pesto direttamente in casa in questo modo non si correranno rischi.

Impostazioni privacy